VR-Commerce

Il mondo reale si «trasferirà» sempre di più nella realtà virtuale con una progressiva «digitalizzazione» dell’esperienza che siamo abituati a vivere nel mondo fisico. Questo fenomeno riguarderà anche e soprattutto l’ambito e-commerce ed in generale della product/store experience.

Gli operatori che fino ad oggi sono stati degli «shy e-commercer», spesso a causa della natura del loro prodotto che mal si adattava ad essere veicolati tramite siti 2D come quella dei siti attuali, potranno creare nuove esperienze digitali. Mentre gli incumbent potenzieranno la loro presenza sfruttando questo nuovo media. Un esempio è Ebay.

Una strategia efficace di «store virtualization» per aziende che, a differenza dei «layout VR models», riguarda punti vendita fisici attivi, è basata sulla conversione in VR, con qualità fotorealistica, dei loro store e prodotti. L’esperienza è diversa dai video 360° perchè l’utente è libero di muoversi all’interno dell’ambiente. E’ diversa da soluzione in computer grafica perchè la nuova tecnica utilizzata garantisce un realismo fotorealistico incredibile, irraggiungile altrimenti.

Con una combinazione di tecnologie e tecniche, mixando fotogrammetria e laser scanning, è possibile ricreare fedelmente uno store fisico, in qualità fotorealistica, con uno scarto massimo di circa 2mm,  e portarlo nella VR. Inoltre sarà possibile arricchire la customer journey con funzionalità ed elementi aggiuntivi, sia di natura esperienziale (es: assistenti virtuali umanoidi)  che di e-commerce (es: prodotti).

 

Comments are closed.